Cari amici nostalgici, oggi è una giornata da colpo al cuore, abbiamo deciso di stilare in occasione del compleanno della Reggina la “Top 11” della squadra amaranto dal 1990 al 2004, che è entrata nel cuore di tutti gli appassionati di calcio Italiani, caratterizzandosi come virtuoso esempio del calcio di provincia.

Che ci crediate o no, la scelta dell’undici è stata tra le più difficili rispetto alle “Top” di Parma, Lazio, Roma, Napoli, Juventus, Inter e Milan che abbiamo già stilato.

La Reggina promossa in Serie A nella stagione 1998/1999, si presenta l’anno successivo in Serie A con una squadra giovane, ma piena di talento. Già nel primo anno in massima serie gli amaranto conquisteranno punti su campi pesanti, pareggiando all’esordio a Torino grazie ad una rete di Kallon e conquistando due rocamboleschi punti nelle trasferte di San Siro (1-1 contro l’Inter e 2-2 contro il Milan). La squadra del presidente Foti si attesterà tra le più belle realtà del calcio e nonostante la retrocessione nella stagione 2000/2001 sarà tra le assolute protagoniste di quello che era il campionato più bello del mondo.

In porta troviamo l’esperienza di Massimo Taibi, che non solo con le sue parate, ma anche con un goal in Reggina-Udinese del 2001, è entrato dritto nella storia del nostro calcio.

La difesa a 3 è composta da capitan Giacchetta, che ha giocato per la Reggina in ben 9 stagioni e dagli ex under-21 Cirillo e Oshadogan.

Il centrocampo è da urlo. A recitare il ruolo di play-maker troviamo Roberto Baronio, che sullo stretto disputò una delle sue migliori stagioni in Serie A. Ad affiancare l’ex giocatore di Brescia e Lazio vi è ovviamente Andrea Pirlo, assoluto protagonista nella stagione 1999/2000 e Mozart. Il reparto viene completato da Nakamura, dotato di un sinistro magico sui calci da fermo e Ciccio Cozza, vera e propria bandiera della Reggina.

Il reparto offensivo, che ha visto le esclusioni di Bogdani, Bonazzoli e Possanzini vede titolari David di Michele e Kallon.

Meritano di certo una citazione pur trovandosi nel ruolo di riserve Tonino Martino autore del goal promozione nell’ultima giornata del campionato 1998/1999 contro il Torino, Maurizio Poli che debuttò in A all’età di 38 anni ed i gemelli del goal Bianchi-Amoruso, che pur uscendo dall’epoca nostalgica nella stagione 2006/2007 salvarono a suon di goal una Reggina che partiva in classifica con l’handicap della penalizzazione.

A disposizione: Belardi, Soviero, Stovini, Tonino Martino, Mesto, Diana,  Vargas, Torrisi, Falsini, Paredes, Perrotta, Morabito, Poli, Giacomo Tedesco, Mamede, Leon, Bonazzoli, Amoruso, Bianchi, Davide Possanzini, Dionigi, Aglietti

Ecco il modulo utilizzato:

regginatop11